ACIREALE: la sporcizia avanza!

E’  scoppiata in città l’ennesima querelle, perchè ogni qual volta qualche consigliere comunale d’opposizione soprattutto se del MpA, fa notare disfunzioni o giudica giustamente cervellotiche, certe scelte da parte di chi amministra la cosa pubblica e nella fattispecie, le scelte adoperate dal Vice Presidente di Aciambiente, dott.ssa Giuseppina Brischetto, ecco che si scatena il polverone, in questo caso composto da sabbia nera dell’Etna!

I Fatti: su comando del Vice Pres. di Aciambiente dott.ssa Giuseppina Brischetto, qualche settimana fa, dopo aver fatto celebrare il carnevale estivo nel mezzo di distese di sabbia vulcanica, ecco spuntare per magia i mezzi della Dusty (Azienda che svolge il servizio di raccolta rifiuti e spazzamento in città) che nel  volgere di qualche giorno hanno sgombrato le vie della città dalla fastidiosa polvere.  Era apparso evidente, che la pulizia venne fatta a macchia di leopardo seguendo chissà quali logiche.  Grazie però

all’intervento del consigliere comunale MpA, Salvatore Seminara, si scopre che l’intervento cervellotico e svolto secondo logiche personalistiche è stato effettuato come se fosse di pulizia ordinaria della città e non straordinaria.

Il risultato: ad oggi in buone parti della città, documentate dalle foto, non si effettua lo spazzamento ordinario, perchè giustamente gli operai si trovano le vie piene di sabbia!

La cosa che ci infastidisce di più è il mentire da parte del Vice Presidente, sapendo di farlo, perchè, è di oggi 08/09/2011 la dichiarazione tramite stampa locale, che la città è tutta pulita, e che forse il consigliere Seminara era in vacanza e non si è accorto della pulizia effuttuata.

Per fortuna caro Vice Presidente, le immagini parlano chiaro…………

Andano oltre nel ragionamento e vedendo lungo, è pacifico che alcuni amministratori della provincia vorrebbero addossare sulle spalle della Regione Siciliana l’onere dei costi per la pulizia della città, ma ad un qualsiasi Tecnico di buona coscienza, pare evidente che tali disfunzioni sarebbero inesistenti, se in sede di stesura del Capitolato d’Oneri per lo smaltimento dei rifiuti, fosse previsto il punto di eventuale pulizia strordinaria causa cenere vulcanica almeno quattro volte l’anno! Ma che vogliamo farci cari cittadini i cervelloni si sa….mica siamo noi Comuni Mortali!

Continuando nella disamina, vorremmo comunicare al Vice Presidente che gli unici a stare in vacanza siamo stati noi di EVVIVACIREALE, ma sempre con l’occhio vigile, ed abbiamo atteso tutta l’estate sperando di vedere rimossa quella sterpaglia obbrobiosa nella spiaggia di Santa Maria la Scala, ma

niente è stato fatto! LA spiaggia pullula di erbacce e monnezza, però Santa Maria la Scala porta turisti!!!! Ma mi faccia il Piacere!!!

Inoltre, visto che siamo in tema di abolizione delle province, chi per il Si , chi per il  No (On. Giuseppe Castiglione in testa andando contro il suo Principale, Cav. Silvio Berlusconi), sulla questione Ambiente si nota subito il danno di avere un’ENTE INUTILE come la provincia di catania, ad Acireale seppur di parte avversa politica, avevamo un buon assessore all’ecologia ed ambiente, il Dott. Salvo Licciardello, che per motivi di equilibri politici è stato portato a fare l’assessore per l’appunto in Provincia, questi i risultati……..una città caduta nell’abisso della monnezza e polvere ed un Aciambiente gestito in modo discutibile.

 

 

 

 

 Giovanni Trovato