ACIREALE: Via Cervo Pensiero

26022012411Ridotta a mera discarica, ad Acireale, a due passi dalla nascente città satellite di San Cosmo, luogo che riecheggia canzoni alla “Via Gluck”, esiste, dimenticata dai più un tratto di vecchia Via Cervo, di circa ottocento metri che passa alle spalle di via prov. per santa maria ammalati, difronte la costruenda nuova Chiesa di San Cosmo, per poi sbucare alle spalle del complesso scolastico Fuccio – La Spina.
Come si può notare dalle immagini, la stradina versa in uno stato di totale abbandono, percorribile per i primi quattrocento metri tra rifiuti speciali vari, vasche di eternit abbandonate, per imbattersi infine in un muro di rovi, dove il cittadino comune in cerca di relax vede interrompere il proprio viaggio immerso al centro dell’ultimo polmone verde della città rimasto, e si vede costretto al dietro front.
Evviva Acireale, già precedentemente aveva lanciato l’idea di espropriare tutta la porzione di terreno che proprio la Via Cervo attraversa esattamente a metà come una lama, per creare il primo parco urbano della Città denominato Parco Belfrontizio .
Sorvolando per un attimo sulla questione esproprio, Via Cervo Pensiero, si traduce intanto nell’invitare l’Amministrazione Comunale, a restituire alla Città, la fruibilità della stradina così come si trova, ma eliminando i rovi, le sterpaglie ed i rifiuti, al fine di consentire agli amanti delle passeggiate, del footing all’aria aperta la possibilità di percorrere l’anello naturale che da via cervo, proseguendo per la provinciale in direzione Acireale, immettendosi su via florestella, consenta di godere di un pò di aria pulita in libertà.
Altresì, sarebbe da valutare l’opportunità da parte della Dirigenza del complesso scolastico Fuccio – La Spina di pressare anch’essa sull’argomento in modo da poter effettuare escursioni con gli alunni, sperimentando lezioni all’aria aperta, concertando con i proprietari dei terreni, la fruizione degli stessi da parte della scoleresca.
L’educazione ambientale va anche sperimentata nella pratica e gli insegnanti di scienze e non solo, disporrebbero di uno strumento fondamentale per accrescere il potere dell’apprendimento negli alunni.
Sogni? Utopie? Noi ci proviamo!
Salvo ulteriore cementificazione spacciata per Area C.O.M.

Giovanni Trovato

5 pensieri su “ACIREALE: Via Cervo Pensiero

  1. Bellissima Idea, t’immagini il Pascoli o l’Ungheretti letti mentre cinguettano i cardellini? wooooow

  2. Di una città non godi le sette meraviglie, ma dei servizi che offre al cittadino. (I.Calvino)
    Va sottolineato come il cittadino comune, pensi alla vivibilità del “suo” ambiente e chi amministra lo fa poco e male.
    Complimenti, bella idea.
    Sul Parco, basterebbe una tassa di scopo.

  3. era covo di eroinomani negli anni ottanta/novanta (per i quali un PRETE fece tanto), oggi è discarica di giorno, alcova per sciagurati incuranti dei pericoli all’imbrunire.
    Magari, arrivassero runners che se ne appropriassero, ma dov’è l’amministrazione pubblica in questa cittá? un decespugliatore non si trova?

  4. Hanno cementificato ogni cosa, e quel che è rimasto, è adibito a pattumiera! Complimenti!!!

  5. salve, sono eternit, le mie misure sono un metro e venti di larghezza, ottanta di profonditá e altezza.
    erano anni che ero sola esposta al sole, alla pioggia, al freddo, al vento, e piena si e poi vuota, e poi piena e ancora vuota, acqua dentro e acqua fuori.
    Poi arrivò la pensione per me, il mio padrono così buono mi abbandonó dinnanzi Casa Mia, sono due anni che sto lì, tra passeri, lucertole, cani randagi e aria pultia.
    evviva acireale non ci scassà o …….. non accadrá, perchè ad acireale posso stare tranquilla, amici miei ad esempio godono al sole del mare di pozzillo, ma se per sbaglio domani dovessi finire chiusa in un sacco per rifiuti speciali in qualche anonima discarica, sappì che avrei sulla coscienza, ME. Povera vasca in pensione che finalmente godeva di aria buona!

I commenti sono chiusi.