Comunicato Stampa Officina Acireale

officina acirealeOfficina Acireale: Altro che cambiamento…tanta confusione e poca trasparenza.

Desta forti perplessità, rispetto all’iniziale spirito di cambiamento, la gestione politica del Comune di Acireale ancor più se la si analizza sotto il profilo delle scelte amministrative; infatti dopo il parziale turn over dirigenziale, la gestione dei precari (e la rischiosa operazione con la Resais, soprattutto per le presunte incompatibilità con il nuovo testo unico delle partecipate), il concorso per dirigente dei lavori pubblici (che certifica lo spreco erariale sopprimendo l’area e relegando ai margini le D3 Torrisi, Puleo, Di Stefano rispetto ai settori), il blocco del concorso per dirigente dell’area amministrativa, il disastro è certificato non solo riguardo l’organizzazione, ma anche per l’attività.
Nel sito del Comune di Acireale, nella sezione dedicata all’amministrazione trasparente, vi sono alcune voci fondamentali come i controlli ed i rilievi sull’amministrazione, controlli sulle imprese, il benessere organizzativo e la relazione sulle performance che sono assolutamente mancanti e prive di dati ed informazioni, ledendo il diritto alla trasparenza.
Infine ciò che più spaventa è la scorretta indicazione della presenza di una OIV quando, con riguardo alle precedenti battaglie di questo movimento, sappiamo che ad Acireale abbiamo un nucleo di valutazione di nomina politica e che desta parecchie perplessità sotto il profilo della legittimità della composizione. Officina Acireale, rilevando questo grave deficit, chiede che tutti gli adempimenti di legge vengano osservati nella piena convinzione che il principio di trasparenza si identifica come principio sovrano e guida per tutti i livelli di governo. (Officina Acireale)