MUYBRIDGE AD ACIREALE

MUYBRIDGE RECALL ACIREALE. PER GUSTARE IL NATALE IN CENTRO CON UN TOCCO DI ARTE DI ALTO LIVELLO

Da non perdere assolutamente per chi in questi giorni di feste natalizie si reca al Duomo di Acireale, la personale di fotografia di Eadweard Muybridge, in mostra presso la Galleria del Credito Siciliano al civico 12.

Avere, Muybridge ad Acireale, significa avere il privilegio di poter godere del lavoro di un genio della fotografia i cui lavori e studi sono stati fondamentali per altre arti.

E’, grazie all’incontro avvenuto tra Muybridge e Leland Stanford uomo d’affari e governatore della California, che tutto ha inizio. Stanford, aveva necessità di provare che il cavallo al galoppo in un determinato istante avesse tutte e quattro le zampe sollevate. Fu così che Muybridge, già esperto fotografo e conosciuto per le sue splendide fotografie realizzate nel parco di Yosemite, installò 24 fotocamere lungo il tracciato che avrebbe percorso il cavallo al galoppo e collegate con dei fili che avrebbero azionato lo scatto al tocco degli zoccoli. Allo sviluppo della sequenza fotografica, si ebbe la prova definitiva che il cavallo solleva per un determinato tempo tutte e quattro le zampe, ma non in posizione estesa come i pittori più volte li avevano descritti in opere famose, come ad esempio Géricault nel famoso dipinto “Derby a Epsom” del 1821.

Previous Image
Next Image

info heading

info content

Da quel momento l’esperimento di Muybridge, portò gli artisti ad affidarsi allo scatto fotografico per riprodurre fedelmente quello che l’occhio umano confonde, sino ad arrivare alla pittura su lastra fotografica.

Il cavallo di Muybridge non si limitò a segnare solo la produzione pittorica. Grazie a quella sequenza fotografica, nasce quello che oggi chiamiamo comunemente slow motion, nasce anche l’invenzione dello zoopraxiscopio sempre per opera di Muybridge, il quale consentiva di proiettare le sequenze fotografiche alla visione di un piccolo pubblico, precorrendo il cinema ed infine applicando la tecnica della cronofotografia agli animali e agli atleti, si ebbe un anticipo della biomeccanica.

Immergersi nelle sequenze fotografiche presenti alla Galleria del Credito Siciliano, significa fare un viaggio tra arte, tecnologia e scienze motorie, ma non solo, davvero da non perdere, tra un acquisto natalizio, la visita ad un presepe e una letterina consegnata a Babbo Natale, poco distante.

Un’eccellenza, insomma!

Per chi fosse interessato a visite guidate anche piccoli gruppi può contattare Ilenia Vecchio Art Consulting +39 338 6301380 email:ileniavecchio1@gmail.com

Giovanni Trovato